IndicePortaleFAQCercaRegistrarsiGruppiAccedi

Condividere | 
 

 Incidente aereo sull'Hudson

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
bandit
Marinaio
Marinaio


Numero di messaggi : 82
Data d'iscrizione : 26.01.08

MessaggioOggetto: Incidente aereo sull'Hudson   Gio Ago 20, 2009 9:43 am

Come molti sanno sono un Controllore del traffico Aereo...ultimamente ogni volta c'è un incidente aereo sembra che sia colpa di chi come mè cerca di fare il suo meglio per ottemperare a ciò per cui è pagato (per fortuna molto bene!)
Sull'incidente capitato a NY se ne sono dette tante e tante di queste notizie sono incomplete e addirittura false. Clicca qui per le informazioni sull'incidente ottenute da parte dell'ANACNA (Associazione Nazionale Assistenti e Controllori alla Navigazione Aerea) e capire come l'informazione in Italia sia solo un optional! Evil or Very Mad Evil or Very Mad Evil or Very Mad
Tornare in alto Andare in basso
piccione
Pirata volante


Numero di messaggi : 547
Età : 43
Data d'iscrizione : 01.02.08

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Gio Ago 20, 2009 1:54 pm

copio e incollo io




Dopo la collisione dell’elicottero con il piccolo aeroplano sopra le acque del fiume americano Hudson, si continua a leggere molto sull’esatta dinamica di questo evento che tanto dolore e sconcerto ha provocato in Italia.
Il Piper stava operando non più nell’ambito della zona aeroportuale, ma all’interno di una più grande area in cui il volo non è assoggettato a particolari restrizioni e dove il servizio di controllo del traffico aereo è fornito solo su richiesta del pilota.
Lo spazio aereo in cui il volo con i nostri connazionali, nella sua fase di salita, intercettava la traiettoria di un elicottero è in genere molto congestionato ed alla confluenza di rotte di una miriade di aeroporti anche importantissimi. In un zona di così elevato interesse turistico il pilota può decidere, in armonia con le regole che disciplinano il volo a vista in USA, di volare senza l’assistenza del controllore.
Se fosse stato chiesto l’aiuto di un controllore, questi avrebbe avuto certamente il dovere di privilegiare la sicurezza dell’aeroplano imponendo condizioni di volo molto più restrittive, in questo modo privando i passeggeri delle fantastiche sensazioni che offre un volo libero di fluttuare nell’aria.
L’area dell’Hudson è frequentata da circa 100.000 voli ogni anno, voli turistici che hanno alla base del loro guadagno panoramiche mozzafiato da offrire. Un business enorme ed una attrazione fantastica cui solo pochi sanno resistere.
Diversamente da quanto riportato da alcuni mezzi di informazione nostrani, alle basse quote in cui si svolgono questi tour aerei panoramici non si dispone di copertura radar (anche perché schermata dai grattacieli) e quindi non è possibile monitorare questo traffico aereo.
Le indagini svolte dal NTSB (National Transportation Safety Board ) - in assenza di scatola nera - si sono accentrate sull’ascolto delle comunicazioni tra controllori e piloti, da quelle intercorse nel piccolo aeroporto di Teterboro alle successive, allorquando il Piper è stato trasferito al controllore dello spazio aereo limitrofo. Si è appreso dalle autorità americane che dall’esame delle registrazioni dei colloqui non è emerso alcunché di anomalo.
La Federal Aviation Administration (l’ente che fornisce il servizio di controllo del traffico aereo americano) ha svolto un inchiesta parallela a quella dell’NTSB e dall’ascolto delle registrazioni della torre di controllo ha tuttavia accertato che il controllore di torre – al momento dell’incidente aereo – era impegnato ad avvisare un dipendente dell’autorità portuale di Baltimora della presenza di un gatto morto nelle vicinanze della pista di decollo. La FAA pur affermando che non vi fosse alcun motivo di pensare che questa circostanza avesse contribuito a causare la collisione, decideva di sospendere cautelativamente il controllore interessato per la telefonata non attinente strettamente lo svolgimento del suo servizio ed il supervisore delle operazioni per mancato controllo. Sino a qui i fatti avvenuti.
In Italia il giorno 14 agosto le principali emittenti radio televisive hanno riportato con enfasi quanto successo, prendendo per veritiera una falsa notizia apparsa su un solo quotidiano americano che descriveva il controllore impegnato in una telefonata privata con la fidanzata. I media nazionali calcavano la mano parlando non solo di sospensione degli operatori americani, ma anche di un “possibile” e “probabile” loro licenziamento per l’incidente accaduto in quanto avevano negligentemente assolto i compiti di controllo e monitoraggio del traffico che, come sopra accennato, ai medesimi non competeva nella circostanza.
Infatti una regola adottata nel campo aeronautico per il volo turistico in tutto il mondo è quella del “see and avoid” (vedi ed evita gli altri).
Il volo turistico è sinonimo di libertà e non può soggiacere a regole ferree quali quelle di un volo commerciale.
Un parente delle vittime nell’immediatezza dell’incidente ha dichiarato “è normale che dopo l’11 settembre, voi americani consentiate agli aeroplani di volare così bassi?” ed ancora “questo è quello che vorrei chiedere agli americani”.
L’incidente ha sollevato, anche negli USA, la polemica che riguarda la politica di consentire a piccoli aeroplani di volare virtualmente senza controllo fino a 350 metri d’altezza e sotto il corridoio aereo del fiume Hudson, ma il sindaco della città Michael Bloomberg ha affermato che sarà difficile cambiare la regola, in parte per motivi economici.
In Italia la scelta è stata e continua ad essere quella di scoraggiare le attività dell’aviazione generale ed in particolare quelle di tipo turistico svolte secondo le regole del volo a vista. Meno voli liberi più sicurezza, ma da questo a giungere ad affermare, un po’ troppo affrettatamente, che questo tipo di incidente in Italia non potrà mai accadere, ce ne passa. L’attività aerea è rischiosa in quanto tale e coinvolge allo stesso tempo molte figure professionali che si integrano. Il rischio è noto e calcolabile e la sua mitigazione attuabile, ma pensare di annullarlo tout – court, è ingenuo e fuorviante.
L’opinione pubblica deve poter conoscere. Ma è doveroso che sia informata per come sono i fatti e non per come qualcun vorrebbe che fossero.
Un incidente aereo è sicuramente il frutto combinato di circostanze cui hanno contribuito più fattori, umani, tecnici ed ambientali e per questo motivo non può essere imputato esclusivamente ad un singolo operatore: il pilota o il controllore di turno. Sciagure aeree come quella avvenuta sul fiume Hudson possono ripetersi, anche a casa nostra, e non solo perché non siamo un Paese aeronauticamente evoluto.
Di questo dobbiamo esserne consci, senza false paure, perché anche la politica ha accettato questo rischio a priori.
Nel corso di questi anni in Italia si è assistito ad un declino in campo aeronautico, sia sul piano organizzativo che in quello normativo, che induce le Istituzioni a sottovalutare certi fenomeni che invece dovrebbero essere fatti segno di una maggiore attenzione.
Il volo da diporto sportivo (ultraleggeri), le modalità di chiusura di un piano di volo, la insoddisfacente classificazione degli spazi aerei italiani sono solo alcuni dei molti campi su cui intervenire, con decisione, per mitigare i rischi che situazioni, quali quella di cui parliamo oggi, possano ripetersi.
ANACNA, l’Associazione nazionale degli assistenti e controllori del traffico aereo, apolitica e che rappresenta un migliaio di professionisti civili e militari in Italia, ritiene che qualunque giudizio sommario sui controllori debba essere evitato fino a che una completa indagine tecnica non sia conclusa.
ANACNA ritiene che liquidare importanti problemi in maniera sommaria, criminalizzando un’intera categoria internazionale di seri professionisti, come fatto in modo inadeguato e non veritiero da un palinsesto televisivo - uso a fare più scandalo che informazione - non giovi all’intero sistema ed in particolare alla crescita di una cultura dedicata alla sicurezza ed alla prevenzione e si dichiara disponibile al dialogo quale autorevole fonte d’informazione e pronta al confronto con tutte le componenti che lo chiederanno.
Tornare in alto Andare in basso
piccione
Pirata volante


Numero di messaggi : 547
Età : 43
Data d'iscrizione : 01.02.08

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Gio Ago 20, 2009 2:00 pm

io sapevo gia' che non era colpa del controllore perche' il radar non poteva vederlo volando cosi' basso.Grazie Bandit della info Wink
in italia si sa che che le informazioni le trovi solo in internet ormai...finche' dura...
Tornare in alto Andare in basso
bandit
Marinaio
Marinaio


Numero di messaggi : 82
Data d'iscrizione : 26.01.08

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Gio Ago 20, 2009 2:10 pm

E tanto per cambiare pure oggi su studio aperto hanno fatto il solito servizio "giornalistico " sensazionalistico per screditare i controllori americani come se il dare la colpa a qualcuno senza prove effettive e sentendo solo le registrazioni di chiamate telefoniche tra colleghi possa alleviare il dolore di chi ha avuto la perdita di famigliari e amici. Crying or Very sad
Tornare in alto Andare in basso
piccione
Pirata volante


Numero di messaggi : 547
Età : 43
Data d'iscrizione : 01.02.08

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Gio Ago 20, 2009 2:27 pm

non e' per quello che dici...e per far clamore,per far odience! Rolling Eyes
Tornare in alto Andare in basso
Manx
ADMIN
ADMIN


Numero di messaggi : 2192
Età : 23
Data d'iscrizione : 24.01.08

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Dom Ago 23, 2009 3:55 pm

bandit ha scritto:
Come molti sanno sono un Controllore del traffico Aereo...

...tu lavori a Torri di Quartesolo! Non barare!

Scherzi a parte,ti do pienamente ragione. In nome del denaro sono capaci di creare qualsiasi casino per poi scaricare tutte le colpe su chi fa solo il proprio lavoro seriamente.

Anche oggi ho sentito la notizia dell'elicotero del Suem caduto a Cortina. A sentire alcuni telegiornali pare che a causare l'incidente sia stato "l'incauto" avvicinamento ai cavi elettrici dei tralicci... mentre a sentire chi lavora in quel settore,in realtà nelle montagne ci sono troppi cavi di vario genere spesso posizionati senza nessun segnale visivo che possa permettere l'individuazione da parte di chi deve operare con soccorsi aerei come in questo caso.

_________________
...cada dia me rìo porque sino me muero...
www.isolalatina.it REGOLAMENTO
Tornare in alto Andare in basso
http://laisolalatina.forumattivo.com
penny
Piratessa Moderatrice
Piratessa Moderatrice


Numero di messaggi : 2009
Età : 43
Data d'iscrizione : 24.01.08

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Lun Ago 24, 2009 12:29 pm

Manx ha scritto:
bandit ha scritto:
Come molti sanno sono un Controllore del traffico Aereo...

...tu lavori a Torri di Quartesolo! Non barare!


:x Evil or Very Mad
Tornare in alto Andare in basso
http://www.isolalatina.it
Bobo
Bucaniere
Bucaniere


Numero di messaggi : 159
Data d'iscrizione : 05.08.09

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Lun Ago 24, 2009 1:50 pm

Scusa Bandit, io non so quali siano le restrizioni delle quote di sorvolo, ma se uno chiede una quota fuori copertura radar, perche troppo bassa, e gliela si concede, non e assoluta responsabilita di chi pilota il fatto di osservare le norme (che credo ci siano) per i voli a vista?
Tornare in alto Andare in basso
Bobo
Bucaniere
Bucaniere


Numero di messaggi : 159
Data d'iscrizione : 05.08.09

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Lun Ago 24, 2009 1:56 pm

Voglio dire, io sto effettuando un volo NS (dovro' osservare un corridoio che sta sotto certe coordinate) mentre se effettuo un volo SN (primo non potro volare alla stessa quota del NS, giusto? e poi dovro osservare un corridoio che stia a un tot. di distanza da quello della direzione opposta, o sbaglio) .
Se l'elicottero ha facolta di sorvolo, chesso' minimo 1000 fts. e max 2000 fts. i voli privati per bassi che siano non potrebbero essere a livello 2.5 chesso SN e 3.0 N.S ) o dico cazzate?
Tornare in alto Andare in basso
bandit
Marinaio
Marinaio


Numero di messaggi : 82
Data d'iscrizione : 26.01.08

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Gio Ago 27, 2009 10:03 am

Bobo ha scritto:
Voglio dire, io sto effettuando un volo NS (dovro' osservare un corridoio che sta sotto certe coordinate) mentre se effettuo un volo SN (primo non potro volare alla stessa quota del NS, giusto? e poi dovro osservare un corridoio che stia a un tot. di distanza da quello della direzione opposta, o sbaglio) .
Se l'elicottero ha facolta di sorvolo, chesso' minimo 1000 fts. e max 2000 fts. i voli privati per bassi che siano non potrebbero essere a livello 2.5 chesso SN e 3.0 N.S ) o dico cazzate?
Non dici cazzate ma, mentre questo è applicato per i voli Ifr (voli strumentali come la maggior parte dei voli commerciali) dove in genere in rotta hanno a seconda della direzione NS o SN e EW o WE la differenziazione dei livell pari per una direzione e dispari per la direzione opposta, peri voli vfr (quelli che volano usando riferimento visivi per la navigazione) non è un obbligo anche se delle rotte vfr sono differenziate di 500 ft per direzioni opposte; però esiste un determinato spazio aereo classificato G (golf) che è uno spazio libero, ossia dove ogni pilota può fare quello che vuole ed addirittura non avere contatto radio con nessuno e lì la famosa legge del "see and avoid" (guarda e evita) è la principale regola che i piloti devono seguire, pure perchè noi controlori in quel tipo si spazio aereo possiamo solo fornire le informazioni di traffico aereo osservate dal radar (se vedo qualcosa sullo schermo) o riportate dai piloti che mi dicono la lora posizione e dove vanno a che quota e lo stimato di arrivo sul punto dove sono diretti. Ora non sò esattamente come sia classificato lo spazio aereo sull'hudson ma sicuramente non sono state valutate bene da parte di chi regolamenta l'area le problematiche di uno spazio aereo così congestionato e alla fine la mancanza di regolamentazione cade su chi si trova a gestire tali situazioni (ossia i piloti da una parte e i controllori dall'altra).
Questo ovviamente è accaduto a Linate, nell'incidente di Cagliari e in tante situazioni analoghe. Ovviamente i mass media vogliono subito il colpevole e quindi accusano o il pilota per incompetenza o il controllore perchè era al telefono o perchè non ha capito bene una comunicazione! Evil or Very Mad
Tornare in alto Andare in basso
Bobo
Bucaniere
Bucaniere


Numero di messaggi : 159
Data d'iscrizione : 05.08.09

MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Gio Ago 27, 2009 6:21 pm

Allora avevo capito! Non conoscevo il GOLF pero'!
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Incidente aereo sull'Hudson   Oggi a 10:11 pm

Tornare in alto Andare in basso
 
Incidente aereo sull'Hudson
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Viaggio d´affari ... a piedi nudi :-)
» Chiesa: "Due terroristi in casa di un agente, Cia ed FBI sapevano. La versione ufficiale sull'11 settembre è falsa"
» UN CONSIGLIO SULL'ASSICURAZIONE
» Pensiero sull'amicizia (bikers)
» Problema: Mi son ritrovato 12 volt sull'antenna!

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: OFF TOPIC - Pirati in libera uscita :: La baia del pensiero-
Andare verso: